lunedì 24 febbraio 2014

Un tragico fallo di reazione

A Milano è morto un tassista di 68 anni, dopo una lite con un pedone. Una storia tristissima.

A leggere il resoconto del giornale, il pedone stava attraversando sulle strisce pedonali, usecndo dal supermercato, con la moglie incinta di 8 mesi.

Un tassì ha probabilmente fermato all'ultimo momento. Il pedone ha reagito e ha tirato una confezione da quattro bottiglie d'acqua contro il taxi. Il tassista è sceso e me è nata una colluttazione.  Il tassista è caduto e ha battuto la testa. E' morto in ospedale.

Due famiglie rovinate.

Quella del tassista e quella del pedone, che sta, appunto, per diventare papà,

La storia, appunto molto triste, mi ha colpito perchè proprio oggi ho rischiato la pelle per due volte non in bici, ma semplicemente attraversando la strada sui passaggi pedonali.

Per ben due volte un automobilista ha "forzato il passo", ovvero ha cercato di modificare traiettoria e velocità per passare prima lui. Poi, passato uno, passano tutti... Ovviamente io non mi sono fatto intimidire è ho continuato sulle strisce, ma insomma, utte e due le volte mi sono dovuto incazzare. Ma se si finisce a litigare sul serio, questo è quello che può venire fuori.

Però se fossi un giudice una riflessione la farei... in questi casi andrei a vedere l'iniziatore dell'azione, ovvero chi e se, questo qualcuno ha violato grossolanamente le regole di convivenza civile.

E in genere gli addebiterei tutto il resto, o almeno, in un caso come questo (in attesa della conclusione delle indagini) gli concederei qualche generosa attenuante.

Con questo non voglio giustificare nulla, dico solo che il cittadino che reagisce alle violazioni delle regole andrebbe sempre sostemuto. Anche, e soprattutto, quando non finisce bene.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

ancora c'e tantissimo da lavorare anche su questo

camillo ha detto...

Probabilmente avrei reagito come il pedone, incazzato nero per essere stato quasi travolto sulle strisce con la moglie in cinta, il resto è stata una tragica fatalità, cose che non accadrebbero se si rispettassero le regole, soprattutto da parte di chi è più forte verso chi è più debole (e un pedone è sempre più debole). Detto ciò mi dispiace per quel poveraccio e la sua famiglia, una storia finita male, per tutti

Roma Ciclista ha detto...

Credo a tutti sia passato un brivido a sentire di questa storia.