venerdì 9 aprile 2010

Gabbiette: collaudo molto positivo anche sulla bici da città.

Abituato in questi anni a girare da solo per le campagne, le cadute sono la cosa che ho sempre temuto di più. La seconda erano i cani.

Forse per questo non ho mai adottato sistemi di aggancio dei pedali, proprio perché tutti mi dicevano che all’inizio la caduta era garantita.

Girando assieme agli altri di cicloappuntamenti mi sono fatto un po’ di coraggio e ho messo le gabbiette di plastica. Prima sulla bici da campagna, poi, osando, su quella da città, in occasioni di un fin troppo rimandato cambio dei pedali

Il risultato è stato molto positivo. Il piede si stacca bene, e in compenso è sempre ottimamente posizionato per la pedalata. Quando ti serve usi il pedale al contrario, quindi senza gabbietta.

Non so se si manifestil consumo della punta delle scarpe, ma spero che la plastica non crei grossi problemi.

Il costo delle gabbiette: circa 5 euro da un ciclista non certo economico

2 commenti:

Mammifero Bipede ha detto...

Per "gabbiette" intendi i puntapiedi? Se sì occhio alla lunghezza...!
Verifica che la piega del piede appoggi sull'asse del pedale, altrimenti avrai una pedalata poco efficiente.
;-)

Lug il Marziano ha detto...

Sì, intendo i puntapiedi, che tutti chiamano gabbiette.

Prendo nota e verifico, ma la pedalata mi sembra proprio migliorata.

Grazie dei preziosi consigli!